cosce di pollo
Secondi

Cosce di pollo soia e zenzero

Ammetto che il pollo è una delle carniche più mi piace. Adoro le ali ma anche le cosce. Questa versione di cosce di pollo è, si può dire, all’orientale.

C’è chi lo definisce insipido e chi puzzolente… invece io lo trovo davvero gustoso… sia lesso che al forno, per non parlare poi della cottura in padella che sbruciacchia la parte a contatto con il fondo e la rende saporita e croccante.

Ho provato così a fare le cosce di pollo cotte nella salsa di soia e insaporite con lo zenzero che le rende aromatiche e piccanti. Ho optato però per la salsa di soia al naturale e senza sale, ottima perché dona alla pietanza un ottimo sapore senza esagerare con la sapidità.

Cosce di pollo soia e zenzero

Ingredienti per 2 persone

  • 6 cosce di pollo
  • 1 bicchiere di salsa di soia senza sale
  • 1 spicchio di aglio
  • succo di 1 limone
  • 1 cucchiaio raso di zenzero macinato
  • 1 pizzico di pepe
  • olio extravergine di oliva
  • 1 bicchiere di acqua

Versate un filo di olio in una padella, antiaderente e con i bordi alti, e fate soffriggere per 2 minuti con uno spicchio di aglio.

Aggiungete le cosce di pollo, 1 bicchiere di acqua (fate attenzione che sia abbastanza perché a contatto con l’olio caldo schizza ed evapora) e del succo di limone , coprite con il coperchio e lasciate cuocere per 10/15 minuti.

Togliete il coperchio e lasciate evaporare l’ultimo goccio di acqua.

Quando l’acqua sarà evaporata del tutto, sfumate con la salsa di soia e lasciate cuocere altri 10 minuti. Se vedete che la salsa si asciuga in fretta aggiungetela pure.

Lasciate, così, abbrustolire la pelle del pollo e aggiungete lo zenzero ed un pizzico di pepe.

Aggiustate di sale e impiattate.

Un piatto davvero semplice da realizzare ma, se lo fate per chi ama il pollo, lascerete i vostri ospiti senza parole. La carne resta morbida e saporita e la pelle diventa succosa e croccante. Prima arriva il piacevole sapore della soia e per ultimo il piccante dello zenzero.

Come sempre aspetto i vostri esperimenti su Facebook e Instagram.

Grazie per la lettura e alla prossima ricetta.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *